Home Prodotti E Soluzioni Protezione sismica

Protezione sismica


La protezione sismica delle strutture rappresenta uno dei più interessanti obbiettivi degli ingegneri strutturali allo scopo di minimizzare i danni alle costruzioni e di salvare vite in caso di terremoti di elevata intensità.

L’assenza di danni è un requisito essenziale per alcune tipologie di strutture quali:

• strutture che contengono componenti e materiali pericolosi (centrali nucleari, impianti chimici, ecc..)

• ponti e viadotti per vie di comunicazione di primaria importanza

• importanti edifici pubblici (ospedali, centri di pronto intervento, centrali di comunicazioni ed energetiche)

• strutture di fondamentale importanza per la difesa del territorio nazionale

• strutture che contengono componenti elettronici e molto costosi

• musei e monumenti artistici di grande pregio

I tecnici e gli ingegneri di Freyssinet Products Company Italia sono in grado di fornire un'assistenza e una consulenza completa a progettisti di opere e imprese di costruzione al fine di definire di volta in volta la miglior soluzione per la protezione sismica.

Freyssinet Products Company Italia ha sviluppato una gamma molto ampia di dispositivi per la protezione sismica delle strutture, principalmente divisa in due categorie.

Isolatori

Hanno 3 funzioni principali: sopportare il peso delle strutture, abbattere il periodo proprio delle strutture e quindi ridurne l'azione sismica, dissipare energia.

HDRB - Isolatori in gomma ad alta dissipazione di energia

LRB - Isolatori in gomma/piombo

PS - Isolatori a pendolo scorrevole

PND/PNUD - Isolatori isteretici con appoggio a disco elastomerico

CSD/CSUD - Isolatori isteretici con appoggio a calotta sferica

Ammortizzatori/Dissipatori

Hanno la funzione principale di dissipare energia sismica, in concomitanza o meno con gli isolatori

Dissipatori isteretici

Dissipatori elastici

Dissipatori Viscosi e Viscoelastici

STU - Connettori Idraulici

Sistemi di Controventi dissipativi

Isolamento sismico di edifici

L’Italia è uno dei Paesi a maggiore rischio sismico del Mediterraneo e rispetto ad altri Paesi, come la California o il Giappone, nei quali la pericolosità è anche maggiore, ha una vulnerabilità molto elevata, per la notevole fragilità del suo patrimonio edilizio, nonché del sistema infrastrutturale, industriale, produttivo e delle reti dei servizi. Inoltre, in considerazione dell’alta densità abitativa e della presenza di un patrimonio storico, artistico e monumentale unico al mondo, l’esposizione si attesta così su valori altissimi.

Quanto può essere utile adottare soluzioni per l’isolamento sismico?

Una delle cause principali di perdita di vite umane durante un terremoto è il crollo delle abitazioni e di altri edifici. La progettazione di una struttura, in particolare una casa di abitazione, eseguita mediante le più aggiornate normative antisismiche, porta a dimensionare le parti portanti in modo tale che possano resistere all’azione sismica senza crollare, anche a scapito di qualche danneggiamento.

Questo approccio non si cura però degli elementi non strutturali (pavimenti, tamponamenti, serramenti) né del contenuto della struttura (attrezzature, suppellettili, arredamento). A che serve quindi avere un ospedale che dopo un sisma è rimasto in piedi ma che si ritrova le attrezzature di alta tecnologia distrutte, i pavimenti ed i tamponamenti fessurati, i serramenti caduti? I costi di fermo attività (proprio quando l’evento sismico la richiederebbe) e di riparazione dopo un sisma sono ingenti. La tecnica dell’isolamento sismico isola la struttura dal terremoto impedendo alla sua energia devastante di penetrare all’interno.

In questo modo la struttura può essere alleggerita, con sensibile risparmio e, in caso di terremoto, tutto il contenuto e le parti non strutturali sono salvaguardate. I danni dopo il terremoto saranno cosi inesistenti o marginali e la funzionalità della struttura è assicurata senza soluzione di continuità.

Ma tutto questo quanto costa?

Incredibilmente poco, attorno all’1-2% del costo della struttura: infinitamente meno di quanto possano essere i danni strutturali o di interruzione di attività in caso di terremoto. Non va dimenticato che spesso il costo degli isolatori sismici è inferiore ai risparmi strutturali che attraverso questa tecnologia si possono conseguire, così che il costo dell’isolamento sismico può essere addirittura negativo.

La tecnologia per proteggersi dai terremoti esiste ed è ben collaudata, non costa molto ed è alla portata di tutti. L’Italia possiede oggi una delle normative più avanzate al mondo per la progettazione di strutture soggette a rischio sismico. Esistono tutte le premesse perché l’isolamento sismico prenda piede come sta facendo in nazioni che finora hanno dimostrato più sensibilità al problema, come il Giappone.


       

Viadotto Basarab a Bucarest - Romania